Quegli “immancabili” mercatini

C’era da aspettarselo purtroppo. Saranno annullati in Alto Adige i tradizionali, “immancabili” mercatini di Natale, che ogni anno attirano numerosissimi turisti. Sui giornali locali si legge che “si sta ora pensando a un eventuale programma alternativo nel pieno rispetto delle misure anti-covid”.

Leggi tutto

Quali limiti per le E-bike nei Parchi

Contro la bozza di regolamento del Parco nazionale Gran Sasso e Monti della Laga approvata il 9 dicembre 2019 dal Consiglio direttivo dell’Ente, di cui ha dato notizia il 3 ottobre 2020 Gognablog, si apprende che sta montando la protesta dei portatori di interesse. Tale bozza sulla quale si potrà discutere fino all’8 febbraio prima di una decisione definitiva, recita tra l’altro all’articolo 112 co. 4: “L’uso delle biciclette a pedalata assistita conformi a quanto previsto dal comma 1 dell’art. 50 del citato d. lgs. 285/92, è consentito esclusivamente lungo la viabilità ordinaria di cui all’art. 109, co. 1.”. Non è però la prima volta che la e-bike viene messa al bando nei parchi…

Leggi tutto

Sul sentiero di “papa Dvan Paule II”

“Viè dal papa Dvan Paule II” è il nome del sentiero scritto in dialetto cadorino. Sullo sfondo del cartellone all’inizio del sentiero compare l’immagine di Giovanni Paolo II, Karol Woytila. Al ritorno da una camminata sul monte Zovo, una trentina d’anni fa, il pontefice che amava la montagna venne circondato su questi prati dai contadini che gli corsero festosamente incontro. Molti valligiani qui lo ricordano ancora. Era l’11 luglio 1987 e il pontefice trascorreva le sue vacanze a Lorenzago di Cadore.

Leggi tutto

L’agonia dei ghiacciai ispira gli artisti

Olafur Eliasson, danese, è definito da Vogue un artivist. Da oltre vent’anni le opere di questo singolare attivista, pardon, artivista, riguardano il cambiamento climatico. L’ultima, site-specific, è dedicata all’agonia dei ghiacciai. Rappresenta una nuova attrazione per i visitatori che si spingono sul ghiacciaio Giogo Alto in Val Senales.

Leggi tutto

Campo dei Fiori, camminare è un’avventura

Migliaia di alberi caduti, pinete rase al suolo e sentieri cancellati. Non si sta parlando della tempesta Vaia del 2018 che ha lasciato in eredità alle Dolomiti simili scenari, bensì della bufera che i primi di ottobre 2020 ha creato danni enormi al Campo dei Fiori in provincia di Varese. Nella Giornata del Camminare fissata per domenica 11 ottobre, vale la pena di rendere omaggio a questi sentieri che tanto hanno sofferto anche per i furibondi incendi degli anni scorsi.

Leggi tutto

Pratiche virtuose ai Piani d’Erna. Lecco premiata

Attraverso lo smantellamento di un comprensorio sciistico ormai abbandonato e l’avviamento di navette gratuite per incentivare il sistema di trasporto pubblico locale verso la località, il Comune di Lecco ha stabilito l’interesse dei bellissimi Piani d’Erna per un turismo naturale e accessibile con i mezzi pubblici. La località ha ricevuto la bandiera verde di Legambiente.

Leggi tutto

Cammini. Battesimo per la Via Francisca

Tra giugno e settembre più di 400 pellegrini hanno percorso i 135 chilometri del cammino che unisce Lavena Ponte Tresa (VA) a Pavia. In base a un comunicato diffuso dagli organizzatori, il cammino battezzato Via Francisca del Lucomagno è considerato in grado di generare un interessante valore economico sul territorio che attraversa. Oltre 3.000 sono state finora le notti passate dai pellegrini negli oltre 40 ostelli, pensioni e bed & breakfast che si trovano lungo il cammino

Leggi tutto

Neve sicura. Nuove strategie per il soccorso

Ciaspole, sci alpinismo, freeride sono previsti in forte crescita nella prossima stagione invernale e il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) rivede le sue strategie. Un importante accordo è stato firmato con Aineva, l’Associazione Interregionale di coordinamento e documentazione per i problemi inerenti alla neve e alle valanghe.

Leggi tutto

Alla ricerca della montagna sacra

Sarebbe possibile identificare una montagna sacra nel gruppo del Gran Paradiso? Perplessità erano già state espresse in MountCity l’estate scorsa, quando in FB l’ambientalista Toni Farina, esponente di spicco di Mountain Wilderness, aveva espresso il suo progetto e Mountain Wilderness se n’era fatta interprete sostenendolo. Ora anche Alessandro Gogna nel dare notizia di questa auspicata e per ora introvabile montagna sacra, dice la sua nel suo sito (dichiarandosi sostanzialmente contrario). Con la misura che lo contraddistingue, anche se in modo netto e inequivocabile.

Leggi tutto

Dal team di “Va’ Sentiero” un invito: camminate con noi

Dopo aver percorso a piedi tutto l’arco delle Alpi e l’Appennino centro-settentrionale (3.500 km per 7 mesi di cammino) e dopo una pausa invernale prolungata dall’emergenza sanitaria, il 30 agosto i sei ragazzi del team “Va’ Sentiero” sono ripartiti da Visso (MC) alla volta del Centro Sud della Penisola per documentare e dare voce lungo il Sentiero Italia alle sue bellezze paesaggistiche, culturali e sociali.

Leggi tutto

Esposizioni. Edi Consolo, inventore di paesaggi

In collaborazione con il Museo Nazionale della Montagna “Duca degli Abruzzi”, la Maison de la Mémoire et du Patrimoine “Janny Couttet” presenta a Chamonix-Mont-Blanc per la stagione invernale “Le Tour du Mont-Blanc. OEuvres d’Edi Consolo”, esposizione presentata per la prima volta a Torino per promuovere la candidatura dell’Alpinismo nel Patrimonio Culturale dell’Umanità Unesco, nelle cui liste è stato infine iscritto il 12 dicembre 2019.

Leggi tutto

Leggende del Rosa. Gli “spalloni” e l’eroe dell’Annapurna

Due motivi giustificano una visita al bellissimo Museo della Montagna di Macugnaga, racchiuso con i suoi cimeli sotto il tetto di una casa valser che risale al 1786. Il primo riguarda la rievocazione del contrabbando, un’attività che, contro ogni apparenza, nobilitò l’ossolana valle Anzasca. L’altro motivo riguarda una singolare reliquia, la scarpa usata da Maurice Herzog, conquistatore dell’Annapurna, per vincere la temibile Est del Rosa.

Leggi tutto

Vie storiche. I simboli misterici di San Pietro al Monte

Raggiungere la basilica di San Pietro al Monte sopra Civate (Lecco) è una breve ma piacevole scarpinata nei boschi che può rendere particolarmente interessante e piacevole un fine settimana in Lombardia, soprattutto al rifiorire dei colori della primavera o nell’attenuarsi delle sue sfumature leggere o nel volteggiare delle foglie dei faggi e dei castani d’un tiepido autunno…

Leggi tutto

Il popolo della movida incontra la montagna

Nessuno se l’aspettava in tempi di pandemia, ma molti rifugi delle Dolomiti sono stati presi d’assalto durante l’estate. Magari da clienti con le infradito ai piedi, anche là dove il sentiero ha scalini di sassi e roccia. Al rifugio Berti, ai piedi del Popera, si legge sulla stampa locale che le ragazze sono salite in pantaloncini e reggiseno. La cosa più curiosa segnalata dal rifugio Biella riguarda coloro che sopraggiungono senza la suola degli scarponi. A casa recuperano vecchi scarponi, abbandonati magari da decenni, li calzano senza verificarne la tenuta e lungo il sentiero si stacca qualche pezzo…

Leggi tutto

Niente sprint nell’Olimpo della bici

Forse anche per quell’atmosfera cimiteriale che aleggia sul Ghisallo, per l’orrenda, antiestetica struttura in vetro e cemento del Museo del ciclismo retto da una Fondazione, per le panchine e le aiuole poco curate o addirittura disastrate, i turisti in bici o appiedati preferiscono sostare sulla balconata ad ammirare sull’altra sponda del Lario la meravigliosa muraglia delle Grigne…

Leggi tutto

Anelli che passione dalle Retiche al Mombarone

Vanda Bonardo presenta in “Fatti di Montagna” (https://fattidimontagna.it) l’anello della Colma del Mombarone in provincia di Torino, ai confini con la valle d’Aosta e con il Biellese. Si tratta di uno dei circuiti escursionistici finora proposti da firme illustri della montagna nell’interessante portale di Luca Serenthà.

Leggi tutto