Celebrazioni. Quando Herzog e Messner stupirono il mondo

Nella tarda primavera si è celebrato il settantennale della prima salita all’Annapurna nel 1950: primato che toccò al francese Maurice Herzog con il compatriota Luis Lachenal. Fu la prima volta che l’uomo salì su un ottomila. Herzog diede poi la scalata alla politica divenendo segretario di Stato per la gioventù e lo sport. In tono minore invece la celebrazione dell’impresa della giapponese Tabej Junko, graziosa e minuta, che 45 anni fa, nel 1975, fu la prima donna a conquistare l’Everest. E ora prepariamoci a festeggiare Reinhold Messner: sono passati 40 anni dalla sua salita solitaria all’Everest che viene ricordata in un libro edito da Corbaccio…

Leggi tutto

Le due versioni di una conquista

Come si spiega che il diario di Walter Bonatti scritto in occasione della vittoriosa spedizione al Gasherbrum IV di sessant’anni fa sia rimasto nascosto per decenni “in un faldone tra mille altre carte”? E perché non si cita mai nel documento pubblicato dopo tanto tempo da Solferino edizioni il bellissimo libro di Fosco Maraini sullo stesso argomento che Bonatti bollò per le troppe “inesattezze e omissioni”?

Leggi tutto

Bonatti viandante della neve

Dallo scrigno di Walter Bonatti (1930-2011) escono di continuo immagini di grande qualità, alcune dimenticate come quelle della traversata in sci delle Alpi compiuta dal grande alpinista tra il 14 marzo e il 18 maggio 1956. E’ un’esperienza questa che rivive mercoledì 8 febbraio 2017 allo Spazio Oberdan di Milano nel corso di una serata organizzata in concomitanza con l’uscita del fascicolo di Meridiani Montagne tutto dedicato allo storico evento. La serata, con inizio alle 21,15 è organizzata con il patrocinio del Cai Milano…

Leggi tutto

Bonatti e l’inviato del Corriere. Ecco che cosa gli raccontò

Nei sotterranei del Museo Nazionale della Montagna di Torino ha trovato provvisoriamente posto l’attrezzatura di Walter Bonatti donata dagli eredi del grande alpinista. Quel casco, quei guanti, quella piccozza sono diventati ormai parte dell’immaginario alpinistico, visti in mille foto, nei documentari, sui suoi libri e su giornali e riviste…

Leggi tutto

Riccardo e Walter insieme nella cordata di Off

Riccardo Cassin e Walter Bonatti salgono alla ribalta dell’undicesima edizione dell’Orobie Film Festival (Off) in programma a Bergamo dal 17 al 21 gennaio all’auditorium di Piazza della Libertà. A queste due leggende dell’alpinismo che insieme (e con la determinante partecipazione di Carlo Mauri) realizzarono nel 1958 la prima salita del Gasherbrum IV in Himalaya, la rassegna rende omaggio con immagini e filmati…

Leggi tutto

Se ne è andato Gheser. Fu tra i “naufraghi del Monte Bianco”

Mentre si compivano i primi passi verso un’Europa unita, nel 1956 una tragedia accomunò due alpinisti italiani, un belga e un francese: quella cosiddetta dei “naufraghi del Monte Bianco” conclusa con la morte dei giovani Henry e Vincendon dopo una penosa odissea, e con il drammatico salvataggio di Walter Bonatti e Silvano Gheser. Il 3 ottobre 2016 a Lavarone (Trento) se ne è andato a 86 anni Gheser, valoroso alpino, albergatore, che in quella scalata invernale e infernale con Bonatti ci rimise a causa del congelamento tutte le dita dei piedi…

Leggi tutto

Stessa corda, stessa passione. L’alpinismo vissuto da guide e clienti

Benché nel 1904 con la nascita del Club alpino accademico italiano gli alpinisti più evoluti abbiano rivendicato, iscrivendosi, la propria adeguatezza anche in carenza di guida alpina (alpinisti senza guide o senza giudizio?, celiava all’epoca qualche invidioso buontempone), la storia dell’alpinismo è stata abbondantemente scritta dal binomio guida-cliente…

Leggi tutto

Il viaggio (letterario) di Paolo Paci attorno al Cervino

Il viaggio attorno, sopra, dentro il Cervino è stato compiuto dalla primavera alla tarda estate 2014 dal giornalista milanese con incontri/interviste a Cervinia (oltre a Hervé, il sindaco Chatillard, il presidente delle funivie, il “padrone del Cervino” Aimè Maquignaz, Gioachino Gobbi “papà” delle prestigiose piccozze Grivel e molti altri) e a Zermatt (tra gli altri, Bruno Jelk capo del soccorso alpino, il capo delle guide, la famiglia Seiler già proprietaria di tutti gli alberghi).

Leggi tutto

Dino Buzzati “accoglie” l’amico Bonatti

Dove se non nella Sala Buzzati in via Solferino potrebbe avvenire l’incontro su Walter Bonatti di mercoledì 14 gennaio alle ore 18? Il tema della conferenza è “Vivere e raccontare grandi avventure”: esattamente quello che faceva o si riprometteva di fare l’indimenticabile Dino Buzzati (1906-72), autore del “Deserto dei tartari”, sciatore e alpinista, che nelle pagine del Corriere raccontò più volte di Bonatti (1930-2011) con cui finì per stabilire rapporti di sincera amicizia…

Leggi tutto

Solo per escursionisti esperti. Inaugurato il Sentiero Bonatti

Il 4 ottobre 2014, giorno di San Francesco, alla frazione Monastero di Dubino (SO) è stato inaugurato il sentiero Walter Bonatti. Una pre-inaugurazione si era tenuta il 9 agosto presso l’accogliente bivacco Primalpe, il principale punto di appoggio della lunga traversata…

Leggi tutto

Bonatti, l’uomo e il mito. Nel privato uno come tanti

Il 13 settembre 2011 a 81 anni moriva Walter Bonatti. Per ricordarlo nel terzo anniversario della scomparsa e a sessant’anni dalla conquista del K2 in cui svolse un’azione determinante, Priuli&Verlucca e il quotidiano La Stampa hanno proposto in edicola da giovedì 4 settembre 2014 in Piemonte (escluso Torino) e Valle d’Aosta la biografia “Walter Bonatti: l’uomo, il mito”. Il libro è in vendita anche in alcune librerie…

Leggi tutto