Montagne da ritrovare. Il futuro è dietro le spalle

“Oltre che sudarsela a piedi, la montagna bisognerà anche prenotarla”, osserva Paolo Paci, giornalista e scrittore, “come si fa con i buoni ristoranti e i musei più famosi. Non è male in fondo l’idea che l’ambiente alpino torni a essere prezioso, magari poco meno fruibile ma anche meno consumistico e consumato”. 

Leggi tutto

Quelli della Righini e gli altri che per primi tradirono le piste di sci

Nel delineare esemplarmente nell’ultimo numero di Dislivelli “l’ingannevole immagine del turismo alpino”, Enrico Camanni rileva come oggi lo sci sia al novanta per cento un’industria artificiale: la neve è programmata, le piste larghe e lisce come autostrade, gli impianti rapidissimi che annullano i tempi d’attesa…

Leggi tutto