Ultra trail, più delle gambe conta il cervello

“Il Tor è come una spedizione himalayana”, racconta il campionissimo delle ultratrail Javier Dominguez, “devi programmare l’avvicinamento, il giorno della vetta. Devi lottare con la testa, perché il tuo pensiero può cambiare tutto, anche la percezione del dolore. Il cervello dà più potenza delle gambe: bisogna sempre essere positivi”.

Leggi tutto