Mezzi motorizzati sui sentieri. La Sezione di Bergamo del Cai invita a segnalare i trasgressori

QuadProsegue la campagna di monitoraggio indetta dal Cai Bergamo del transito di moto e mezzi motorizzati lungo i sentieri e mulattiere. In un comunicato il sodalizio invita pertanto i soci a inoltrare alla Sezione le segnalazioni a mezzo della scheda reperibile in rete sul sito www.caibergamo.it

Nel comunicato ai soci il sodalizio fa il punto sulla circolazione dei mezzi motorizzati sui sentieri ricordando che è stata approvata la nuova Legge Regionale 15 luglio 2014 Nr. 21 (Modifiche ed integrazione alla Legge Regionale 5 dicembre 2008 Nr.31).

“Grazie alla mobilitazione del CAI ed alla raccolta di quasi 50.000 firme”, si legge nel comunicato, “permane il divieto di circolazione lungo i sentieri e le mulattiere. Perplessità permangono per quanto riguarda l’organizzazione di manifestazioni con mezzi motorizzati”.

Il comunicato così prosegue:

“La nuova LR 21/2014: dopo una prima discussione in aula l’8 di aprile ed il rinvio alla competente Commissione VIII per ulteriori riflessioni, il Pdl 124 è riapprodato in aula l’8 di luglio data in cui il Consiglio Regionale ha approvato la LR 21/2014 a modifica ed integrazione della precedente 31/2008 (Testo unico delle Leggi Regionali in materia di agricoltura, foreste, pesca e sviluppo rurale).

La nuova Legge si compone di 4 articoli. I primi 3 hanno apportato modifiche agli articoli della 31/2008 che regolano la materia boschi, il vincolo idrogeologico e la trasformazione d’uso dei suoli; il 4 ha integrato e modificato l’Art. 59 della 31/2008, quello riferentesi alla viabilità agro-silvo-pastorale. Con la nuova legge:

  • E’ STATO CONFERMATO IL DIVIETO ALLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI MOTORIZZATI SULLE STRADE AGRO-SILVO-PASTORALI, SUI PASCOLI, NEI BOSCHI E SOPRATTUTTO LUNGO SENTIERI E MULATTIERE (invece, secondo la deroga proposta originariamente nel Pdl 124, avrebbe potuto essere temporaneamente autorizzato e liberalizzato in deroga per tutti i mezzi).
  • In deroga ai divieti di circolazione vengono però definite LE MODALITA’ CON CUI GLI ENTI LOCALI E FORESTALI PER IL TERRITORIO DI PROPRIA COMPETENZA POSSONO AUTORIZZARE MANIFESTAZIONI CON MEZZI MOTORIZZATI.

“Peraltro”, conclude il comunicato della Sezione di Bergamo, “la concessione per manifestazioni motoristiche c’era anche prima seppur non indicata nella legge ma nel regolamento; ora è vincolata al parere degli enti proprietari a cominciare da aree protette e parchi che nella nostra provincia sono sempre stati contrari e coprono una grande fetta di territorio. Viene inoltre richiesta una congrua fideiussione”.

Commenta la notizia.