Si rinnova il libro dei 4000

Approfittando di quest’anno di “clausura”, Luciano Ratto annuncia di avere completato un lavoro di aggiornamento e arricchimento del “Libro dei 4000” pubblicato nel 2010 da Vivalda. La nuova versione (192 pagine, formato 24×22 cm, 25 euro) appena arrivata in libreria s’intitola “Alpi – 4000 da collezione”. La lieta novella si accompagna a un altro annuncio importante. Il Club 4000 del Cai -Torino di cui Ratti, alpinista accademico, ingegnere torinese e valdostano di nascita, è una delle colonne portanti, ha superato i 540 soci di 15 Paesi diversi, diventando perciò il gruppo di alta montagna più grande d’Europa. 

A proposito del libro, Ratto tiene a precisare che si tratta di un’edizione che, pur facendo riferimento alla prima edizione – perché la storia dei 4000, ovviamente, non è mutata –  si presenta notevolmente rinnovata oltre che nel titolo e nel formato, nell’iconografia (molte le nuove fotografie), nell’impianto generale, nella elegante copertina. Nuovi collaboratori affiancano quelli della prima edizione. Così a fianco di Roberto Aruga, Pier Mattiel e Luciano Ratto, autori dei testi, offrono i loro prestigiosi contributi Laura e Giorgio Aliprandi (massimi esperti di cartografia alpina che qui riferiscono su un quattromila…inesistente), Alessandro Gogna (autore della prefazione), Franco Nicolini (che con Giovannini è stato il protagonista della traversata completa degli 82 quattromila in 60 giorni), Sergio De Leo, Massimo Re Calegari e altri ancora.

Questa nuova edizione che Gogna definisce “l’enciclopedia dei 4000”, gode del sostegno del Presidente del Consiglio Regionale della Regione Valdostana Alberto Bertin, di alcune Sezioni del Cai e di Giuseppe Ferrero della Società Tuxor. Inoltre il volume nasce da na convenzione con il Fondo Ambiente Italiano. Chi è interessato può rivolgersi alle varie librerie, in modo particolare alla “Libreria della Montagna”, via Sacchi,28 bis, a Torino, tel 011.5620024,  email: info@librerialamontagna.it oppure compiere l’acquisto tramite Amazon.

Commenta la notizia.