Ragni, rinnovo al vertice. Schiera eletto presidente

Il comasco Luca Schiera, 31 anni a novembre, uno dei più forti alpinisti del gruppo, è il nuovo presidente dei Ragni di Lecco. Nei tre anni trascorsi ha già ricoperto la carica di consigliere. Succede a Matteo Della Bordella, giunto alla naturale conclusione del suo mandato triennale. Questo il suo commento dopo l’elezione, come viene riportato nel comunicato ufficiale diramato il 10 maggio. “Ho conosciuto i Ragni sin dai primi momenti in cui ho cominciato a frequentare l’ambiente della montagna”, dice Schiera, “perché i Maglioni Rossi hanno fatto la storia delle nostre montagne e non solo. Nel mio percorso di scalatore ho avuto la fortuna di incontrare e legarmi con alcuni di loro, che mi hanno aiutato a crescere e hanno poi voluto che anche io entrassi a far parte del sodalizio. Grazie al loro stimolo e supporto ho potuto realizzare cose che altrimenti non avrei mai neppure potuto immaginare. Per questo voglio restituire qualcosa al Gruppo, impegnandomi nel ruolo di presidente. Sono certo che, assieme ai membri del consiglio direttivo, continueremo a portare avanti le attività con lo slancio degli ultimi anni a diffondere la cultura alpinistica, seguendo l’ottima strada già tracciata da chi mi ha preceduto”.

Schiera – il cui fratello Davide è azzurro di basket paralimpico e gioca con il Santo Stefano Avis vicecampione d’Italia – viene considerato a livello mondiale uno dei migliori esponenti della sua generazione. In Patagonia (Sud America) ha raggiunto la cima di Cerro Torre, Fitz Roy, Cerro Mariposa, Cerro Pollone e Cerro Mangiafuoco. Montagne di estrema difficoltà tecnica. A queste va aggiunta anche la vetta del Bhagirathi IV in India (6193 metri) saluta dall’inviolata parete Ovest.

Il nuovo presidente è affiancato da consiglieri di grande esperienza come Carlo Aldé, Luca Passini, Simone Pedeferri, Dimitri Anghileri e il past president Della Bordella. 

New entry del direttivo è invece il comasco Paolo Marazzi. Tre nuovi soci ordinari sono stati accolti tra i Maglioni Rossi, tutti nati e cresciuti all’ombra della Grigna e del Resegone. Si tratta di Matteo Motta (classe 1989), Giacomo Mauri (2000) e Lorenzo Negri (2000), quest’ultimo discendente di una dinastia di Maglioni Rossi, cominciata con il prozio Pino Negri e proseguita con papà Marco. Ammesso invece come socio onorario Antonio Peccati, attuale presidente della Confcommercio di Lecco, fortissimo scalatore fra gli Anni 70 e 80 e autore di diverse salite realizzate in cordata con diversi Maglioni Rossi.

Commenta la notizia.