Cronache alpine in podcast tra fatti e misfatti

MountCity propone un riepilogo di alcuni (non tutti) gli argomenti trattati in questo primo scorcio del 2021 in “Fatti di Montagna” nella rubrica “Fatti e misfatti” curata anche in podcast con la collaborazione del sito che state leggendo. Grazie di cuore a chi ha dedicato tempo e attenzione all’iniziativa e a chi vorrà fornire qualche consiglio per migliorare questo servizio offerto gratuitamente, per pura passione, a quanti si sentono un po’ “fatti di montagna”.

Leggi tutto

Val di Mello in subbuglio. Prima no, poi si alle ruspe. Che ora nessuno vuole

Dopo due anni di silenzio, con una pandemia in mezzo, sono iniziati i lavori per la realizzazione del percorso protetto per persone disabili in Val di Mello. Contro il progetto presentato nel 2019 dall’Ersaf, Ente regionale lombardo per i servizi all’agricoltura e alle foreste, si erano a suo tempo schierati ambientalisti, Cai e guide alpine. Poi venne raggiunto un accordo…

Leggi tutto

Valle Anzasca, il sale della fatica nelle foto e negli scritti di Marco Sonzogni

È in libreria la nuova iniziativa editoriale de “Il Rosa”: il libro di Marco Sonzogni “Vicende d’Anzasca: il sale della fatica” (Associazione culturale “Il Rosa”, 116 pagine in brossura). L’antologia raccoglie oltre venti anni di scritti dello storico redattore de “Il Rosa – Giornale di Macugnaga e della Valle Anzasca”. La sua penna racconta storie e memorie di una valle alpina che ha subito nella seconda metà del Novecento profonde trasformazioni sia economiche che culturali.

Leggi tutto

Piccole Dolomiti. Sorpresa: la guglia nottetempo è sparita

Una porzione della guglia Corno nelle Piccole Dolomiti si è staccata ed è finita a valle. Si è sgretolata zitta zitta nottetempo. Sorpresa l’indomani: il profilo delle guglie è cambiato. Al posto della sagoma che ricordava un corno ora c’è una gengiva, come dopo l’intervento radicale di un dentista…

Leggi tutto

Monte Disgrazia, una leggenda ammonitrice

Un giorno un povero viandante giunse nella valle del Pizzo Bello (toponimo a suo tempo proposto per questo monte e scartato). Allora la valle era ricca di acqua e pascoli, e pastori e contadini vi vivevano bene. Dunque questo misero pellegrino chiese ai locali cibo e riparo per la notte, ma essi lo scacciarono con male parole, come vorrebbero fare alcuni nostri patrioti con i migranti…

Leggi tutto

“Re di Pietra” in crisi: neve scarsa, rischio frane

Di questi tempi pare che il Monviso non se la passi troppo bene. In tutto l’inverno, alla frazione Serre di Crissolo sono caduti “appena” 307 centimetri di neve, decisamente meno della media. E intanto il clima sta trasformando la conformazione delle rocce…

Leggi tutto

Eliski, questi 25 anni in attesa di una legge

Venticinque anni, un quarto di secolo, in attesa di una legge. Che ancora non c’è e chissà se e quando sarà mai promulgata. Un posticino nel Guinness dei Primati probabilmente se lo merita questa mancata legge sui voli turistici in montagna. E bene ha fatto nell’accennare a tale voragine legislativa mai colmata Mountain Wilderness Italia nella lettera rivolta il 23 marzo al ministro Roberto Cingolani al quale è affidato il nuovissimo dicastero per la Transizione Ecologica…

Leggi tutto

Si rinnova il libro dei 4000

Luciano Ratto annuncia di avere completato un lavoro di aggiornamento e arricchimento del “Libro dei 4000” pubblicato nel 2010 da Vivalda. La nuova versione (192 pagine, formato 24×22 cm, 25 euro) appena arrivata in libreria s’intitola “Alpi – 4000 da collezione”. Da non perdere…

Leggi tutto

Leggende dello sci. Ivo, “gattista” del fondo

Battere le piste di fondo di Vinadio in Alta Valle Stura è sempre stata la passione di Ivo Ghibaudo. Di sera, abbassate le saracinesche della sua premiata macelleria, saliva sul “gatto”, accendeva i fari e via fino alle ore piccole per rimettere a nuovo i tracciati. Spentosi a 70 anni per Covid all’ospedale di Saluzzo, Ghibaudo viene ricordato dai gourmet per le squisite pecore di razza Sambucana in vendita nel suo negozio. Talmente rinomate che per acquistarle arrivavano clienti da tutto il Piemonte. Il suo nome merita però di essere ricordato anche dai buongustai del fondo…

Leggi tutto

Montagna che resiste. Dove i negozi riaprono

La “montagna che resiste” ha compiuto un altro passo avanti. Sull’esempio di Rigolato e di Treppo-Ligosullo in Carnia, anche nel ridente borgo piemontese di Acceglio, in Val Maira, l’iniziativa privata è stata sostituita con il pubblico per consentire la riapertura dei negozi di prima necessità. Il Comune ha infatti lanciato un “concorso di idee per la creazione di un negozio di alimentari e annesso bar” nei locali di proprietà comunale che ospitavano l’ambulatorio medico, trasferiti nel municipio.

Leggi tutto

Cortina 2026. Il bob? Uno spreco, eliminiamolo

“Perché diciamo no a una nuova pista da bob” è il titolo di una lettera che il 24 marzo alcune associazioni e comitati del Cadore hanno inviato a Presidente Mario Draghi e al ministro della Transizione ecologica. La pista riguarda le Olimpiadi Milano-Cortina 2026 e l’invito è particolarmente rivolto agli amministratori del Veneto, Lombardia, Trentino e Alto Adige perché riflettano e provvedano da subito a risparmiare ambiente, paesaggio e soldi pubblici. Utilizzando le piste di Cesana o meglio ancora di Innsbruck saremmo ancora in tempo per risparmiare 80 milioni di euro per la costruzione della nuova pista a Cortina prevedendo un debito di quasi 500.000 euro l’anno per la successiva gestione dell’impianto.

Leggi tutto

Migrazioni primaverili nei Parchi

Marzo è il mese in cui inizia la migrazione primaverile, un fenomeno che proseguirà fino ai primi giorni di giugno. Buona parte degli uccelli che nidificano nei Parchi dell’Alpe Veglia e Devero e dell’Alta Valle Antrona abbandona i propri nidi in autunno per trascorrere l’inverno in aree con clima più mite, distanti talvolta anche alcune migliaia di chilometri.

Leggi tutto

Letture. La magica cavalcata da Lecco alla Val di Mello

“Il Sentiero del Viandante. Da Lecco alla Val di Mello lungo il lago di Como” di Albano Marcarini (Ediciclo editore) è la nuova guida aggiornata e ampliata “del più bel sentiero lungo il più bel lago del mondo”. Un cammino vissuto e narrato, passo dopo passo, su un’esile sponda di lago al cospetto dei più bei panorami che si possano concepire, fra borghi aggrappati alla cornice del lago con un occhio alla storia e ai piccoli segni di una colonizzazione umana che si perde nel tempo: case in pietre, cappelle, chiese, borghi, torri e castelli, belvedere.

Leggi tutto

L’Heidi del Trentino, una virtuosa educazione alpina

Soltanto tenerezza ha suscitato la foto circolata sui media della piccola Heidi trentina che si dedica alla “didattica a distanza” sullo sfondo delle sue caprette? Ma no, non si pensi che tutti si siano inteneriti. Sbagliato e fuorviante è stato giudicato da alcuni genitori il messaggio di quella bambina con la cuffietta di lana intenta a trafficare con il computer in un’aula a cielo aperto mentre alle sue spalle le caprette erano al pascolo. Ci si è evidentemente dimenticati delle virtù dell’outdoor education, un metodo sperimentato in varie modalità fin dall’Ottocento e di cui è testimonianza un’interessante pubblicazione legata al progetto milanese “Quartieri in quota”.

Leggi tutto

Cartografia svizzera, un mito in bilico

Un popolo serioso e coscienzioso come quello svizzero è anche capace di svolazzi burleschi assolutamente imprevedibili. Albano Marcarini, urbanista milanese che scrive guide, compila mappe e dipinge acquerelli, spiega come in certi luoghi remoti il cartografo di turno della Confederazione si sia lasciato andare all’unica occasione che non gli era concessa: la creatività…

Leggi tutto

Favorite le ricche Dolomiti. Il Piemonte si ribella

Venti di guerra soffiano sulle Alpi. Motivo del dissidio che contrappone Piemonte e Dolomiti è il Decreto sostegni. Si sapeva che la coperta sarebbe stata corta. Ma ora tra le pieghe del maxi decreto, che prevede 700 milioni per le montagne in buona parte a fondo perduto, spunta la corsia preferenziale per le Dolomiti nei rimborsi decisi dal Governo. Un modo, a quanto denuncia il quotidiano La Stampa del 24 marzo, per “riempire le tasche delle già ricche Dolomiti e impoverire lo sci piemontese”.

Leggi tutto

Il virus spinge i prodotti di montagna

Il dilagare del Covid-19, chi l’avrebbe mai detto?, ha spinto la domanda di prodotti genuini, “naturali” e sostenibili, aprendo nuove opportunità commerciali per i prodotti di montagna. In questi giorni rispunta il marchio di garanzia “Prodotto di montagna” che si credeva dimenticato. E si parla di “nuovo corso” dei prodotti di montagna…

Leggi tutto

Identycard per vincere lo spopolamento

L’iniziativa è stata introdotta in Carnia nei paesi di Rigolato (nella foto) e Treppo-Ligosullo, per permettere alle famiglie di avere uno sconto immediato del 15% sull’acquisto dei beni di prima necessità. L’idea è di incentivare le attività all’interno del proprio comune.

Leggi tutto

Letture. “Lo Zaino” per una pedagogia della montagna

Di pedagogia della montagna si occupa ancora una volta nel fascicolo numero 14 (primavera 2021) de “Lo Zaino”, periodico delle Scuole lombarde di alpinismo del Club Alpino Italiano, l’istruttore di alpinismo Beppe Guzzeloni, tra i primi in Italia a dedicarsi all’accompagnamento terapeutico in montagna ovvero alla Montagnaterapia. Guzzeloni interviene sull’argomento offrendo nuovi contributi, a cominciare da una rilettura di una poesia di Emily Bronte – all’inizio dell’articolo ne riporta alcuni versi – in cui ritiene di aver colto, come d’incanto, il significato, sempre cercato, del termine Montagnatearapia…

Leggi tutto

Magnodeno in pericolo: 25 mila firme per salvarlo

La Provincia di Lecco vuole approvare un piano per permettere a una azienda siderurgica di allargare il fronte di una delle cave sulla montagna del Lecchese situata accanto al Resegone, così da produrre più calce. “Fermiamo le trivelle, salviamo il monte Magnodeno” è l’appello lanciato attraverso una petizione all’inizio di marzo. In poco tempo sono state raccolte più di 25mila firme.

Leggi tutto

Il lupo nel VCO. Risultati del monitoraggio

Il branco denominato “Alta valle Anzasca” contava 6 esemplari, il branco “Bassa Anzasca-Valle Strona” almeno 2 (la femmina dominante F8 è stata campionata nel 2018-2019 ma non nel 2019-2020) ed il branco “Bassa Ossola” 3 esemplari (uno di questi è la lupa di 7 mesi abbattuta sopra Ornavasso nel dicembre 2019). A questi si aggiungono 3 lupi non imparentati con i branchi, probabilmente individui in dispersione. Uno di questi è il maschio investito da un treno presso Domodossola il 23 maggio 2019.

Leggi tutto

Vie storiche. Tra i Monti Pisani, sulle tracce del Sommo Poeta

Nel libro sesto delle “Rime”, Dante Alighieri di cui si celebrano i 700 anni dalla morte, descrive un paesaggio che, probabilmente, ebbe modo di visitare e colpì fortemente la sua immaginazione. Con gli amici del sito “Vie Storiche” riscopriamo questo territorio, e anche quello tra i Monti Pisani dove si trova il Passo di Dante oggi frequentato dagli escursionisti. Per onorare il Sommo Poeta, in prossimità, è posta una lapide che riporta alcuni versi del XXIII canto dell’Inferno sormontata dal busto del poeta fiorentino. A poca distanza un altro sito rimanda a un luogo che Dante ben conosceva: il castello di Caprona.

Leggi tutto

Un alpinismo al profumo di fragola

Nel romanzo “Le fragole dell’Alpe Devero” (98 pagine, 25 euro) di Lorenzo Revojera il punto di partenza è l’atmosfera idilliaca dell’Alpe Devero dove ci si sente di casa. E dove si pratica un alpinismo dal volto umano anche se non esente da incognite. Uno scenario ideale per essere contrapposto alle folli corse agli ottomila governate da interessi economici che a giudizio dell’autore sono simili a quelli delle gare di formula uno.

Leggi tutto

“Monti in città”. Le novità sugli scaffali della libreria

“Monti in città”, la libreria milanese di Viale Monte Nero 15 (angolo giardini, a due passi da Porta Romana, tel 0255181790, (libridimontagna@montiincitta.it), segnala 17 nuovi libri nella newsletter del 10 marzo 2021. Nella foto in apertura un aspetto dell’Alpe Devero, immagine tratta dal libro di Lorenzo Revojera “Le fragole dell’Alpe Devero”.

Leggi tutto